Corso in aula

Addetto BLS-D per autorizzazione uso defibrillatore semiautomatico esterno (DAE)

L’uso di un DAE (Defibrillatore Automatico Esterno) è previsto dalla legge n. 120 del 3 aprile 2011 e smi, atta a regolamentare l’uso dei defibrillatori semiautomatici esterni da parte del personale NON sanitario: in caso di emergenza ogni cittadino con un’adeguata formazione di rianimazione cardiopolmonare può prestare soccorso utilizzando questo tipo di apparecchiature senza commettere reato o compiere un abuso della professione medica.

Si ricorda infatti che il Decreto Balduzzi, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 20 luglio 2013, già regolamenta (art. 7 comma 11) l’utilizzo dei defibrillatori, ampliando l’obbligo di dotazione di un defibrillatore alle società sportive sia professionistiche che dilettantistiche.

Per sostenere la diffusione dei Defibrillatori Semiautomatici Esterni (DAE) nelle aziende, l’INAIL riconosce la messa a disposizione del DAE in azienda e la relativa formazione BLS-D come intervento di miglioramento che consente di ottenere la riduzione del premio INAIL per mezzo del modello OT 23.

Corso Aggiornamento

Corso Base

Destinatari

Il corso è rivolto a tutto il personale NON sanitario (laico/cittadino comune) che intenda acquisire competenze e la relativa autorizzazione all’uso dei Defibrillatori Semi-Automatici Esterni (DAE), ai sensi della legislazione vigente e della specifica regolamentazione prevista dalla Regione Lombardia.

Il corso è particolarmente indicato per le squadre addette al primo soccorso di cui al D. Lgs. 81/08 già in possesso di formazione base.

Durante il corso ci si avvarrà di supporti audiovisivi e verrà distribuita ai partecipanti documentazione tecnica inerente gli argomenti trattati

Obiettivi

Il corso di formazione ha l’obiettivo di permettere il funzionamento, in tutta sicurezza, del defibrillatore semiautomatico, per assicurare l’intervento sulle persone vittime di un arresto cardiocircolatorio. L’operatore che somministra lo shock elettrico con il defibrillatore semiautomatico è responsabile, non della corretta indicazione di somministrazione dello shock che è determinato dall’apparecchio, ma della esecuzione di questa manovra in condizioni di sicurezza per lo stesso e per tutte le persone presenti intorno al paziente.

Programma didattico

I contenuti minimi del corso di formazione per addetti all’utilizzo del DAE, è conforme ai requisiti minimi della Regione Lombardia.

Le cause più frequenti dell’arresto cardiaco sono l’infarto del miocardio, le aritmie cardiache, l’annegamento, la folgorazione, l’asfissia, i traumi, gli avvelenamenti. La sopravvivenza per questo evento è inferiore al 10%; la carenza di ossigeno al cervello produce infatti lesioni che possono diventare irreversibili già dopo 4-6 minuti di assenza di circolazione.

La defibrillazione consente, quindi, di interrompere l’aritmia più pericolosa, la Fibrillazione Ventricolare (FV), e le Compressioni Toraciche Esterne (CTE) aiutano a mantenere vitali gli organi “nobili” (cuore e cervello) della vittima. In assenza di RCP l’efficacia del defibrillatore diminuisce del 7-10% per ogni minuto di ritardo, mentre con la RCP le probabilità di sopravvivenza decrescono solo del 3-5% dopo ogni minuto dall’esordio dell’ACC.

FORMAZIONE BLS-D (5 ore)

  • Metodi di Rianimazione Cardio Polmonare (RCP) di base (BLS – Basic Life Support) (in accordo con le linee guida internazionali);
  • Defibrillazione precoce (BLS-D – Basic Life Support and Defibrillation) – PARTE TEORICA: finalità della defibrillazione precoce, elementi fondamentali di funzionalità cardiaca, pericoli e precauzioni per i pazienti e per il personale, presentazione e descrizione dell’apparecchio, alimentazione, uso e manutenzione, modalità di messa in opera e dimostrazione da parte del formatore;
  • Defibrillazione precoce (BLS-D) – PARTE PRATICA: messa in opera sul manichino della sequenza di rianimazione cardiopolmonare e di defibrillazione semiautomatica nei diversi quadri di arresto cardiaco, raccolta dei dati registrati e analisi dell’intervento.

Durata

La durata minima del corso teorico-pratico dedicato ai laici è di 5 ore, da svolgersi in un unico incontro, a cui si aggiunge il tempo per la verifica di apprendimento finale, con un adeguato rapporto tra istruttori e discenti nella parte pratica di 1:5. Per ottenere l’attestato al corso di formazione occorre partecipare al 100% delle ore di formazione previste.

Verifica dell’apprendimento

Alla conclusione della parte teorica del corso si accederà al test di apprendimento finale degli argomenti trattati tramite domande a risposta multipla.

Successivamente verranno illustrate le modalità di intervento pratico e ciascun partecipante dovrà effettuare le esercitazioni previste.

Se superate entrambe le prove, teorico e pratiche, sarà rilasciato attestato di autorizzazione all’utilizzo del DAE emesso da AREU e 118 in cui il corso sarà accreditato con validità in tutto il territorio nazionale ed il partecipante  sarà iscritto alla prevista lista Regionale. Gli attestati verranno rilasciati in breve tempo.

Aggiornamento

Tale formazione ha validità 2 anni. Entro la scadenza è necessario effettuare un corso di retraining della durata minima di 3 ore per il mantenimento delle competenze acquisite.